Avellino, Conservatorio Cimarosa anche il pianista Beltramini

(Tv7 Avellino) – Tra concerti e rassegne, continuano gli appuntamenti all’Istituto di Alta formazione artistico-musicale presieduto da Achille Mottola e diretto da Maria Gabriella Della Sala. Dopo il successo di pubblico riscontrato nello scorso fine settimana, con il sold out registrato con le presenze di Stefano Di Battista e di Mariano Rigillo e Cicci Rossini, questa settimana tornano protagonisti gli studenti.

Si parte lunedì 4 ottobre (ore 19) con il concerto dei vincitori del Premio Conservatorio Cimarosa. Sul palco dell’Auditotrium «Vitale» saranno consegnati il premio “Brahms” a Nicola Salvati (organo), il premio “Debussy” a Miki Lubrano Lavadera (pianoforte), il premio “Bottesini” a Vincenzo Bruschi (contrabbasso) e Luigi Gagliardi (pianoforte). Premio “Beethoven” a Raimondo Mazzeo (pianoforte), premio “Virtuoso” a Gabriele Melone (violoncello). Mentre Davide De Feo (clarinetto) ritirerà il primo premio assoluto e si esibirà – accompagnato al pianoforte da Gabriele De Feo – nell’interpretazione dei brani di Béla Kovács, Hommage a De Falla, per clarinetto solo e Fantasia da concerto (Verdi-Lovreglio-Giampieri).

Martedì 5 ottobre (ore 19) all’Auditorium «Vitale» il recital pianistico di Sebastian Beltramini. Il pianista argentino, considerato tra i più promettenti della sua generazione, interpreterà brani di Listz, Ginastera, Albeniz a Balakirev.

L’Orchestra del Conservatorio Cimarosa, diretta dal M° Massimo Testa, sarà, invece, protagonista venerdì 8 ottobre (ore 19) con “Il grande repertorio per chitarra e orchestra”, concerto a cura del M° Lucio Matarazzo. Apertura dedicata a Domenico Cimarosa, con “Il Maestro di cappella” – capolavoro di ironia musicale di fine ‘700 -, per proseguire poi con Petit Concerto de Société op. 20 per archi di Ferdinando Carulli e chiusura con le “Antiche arie e danze: 3 suite per archi” di Ottorino Respighi.

Sabato 9 ottobre (ore 19) omaggio a Nikolai Kapustin, scomparso l’anno scorso. Pianista e compositore, di origini ucraine, la sua musica è entrata nel repertorio da concerto di pianisti importanti ed è oggetto di studio per moltissimi studenti. E saranno proprio gli alunni del “Cimarosa” ad omaggiarlo interpretando alcuni tra i suoi brani più noti: dalla Sonata op.35 interpretata da Francesco Recupido, ai Cinque Studi da Concerto con l’esecuzione di Raimondo Mazzeo. E ancora: Federico Cerrato (Preludio op.53 n. 21), Carla Maria Troisi (Due Preludi op.53 n.18, 23), Sabrina Aliberti (Due Preludi op.53 n. 10, 12) e Fabio De Palma (Due Preludi op.53 n. 5, 9).

Continuano, intanto, gli appuntamenti con le rassegne organizzate dal Conservatorio “Domenico Cimaorsa”. Martedì 5 ottobre, con inizio alle ore 10, nell’ambito del progetto «Le Scritture» – curato dal M° Gualtieri – si terrà il laboratorio dal titolo “Comporre al cinema”, con la presenza del M° Antonio Fresa.

Mercoledì 6 ottobre, invece, torna l’appuntamento con “Parole di Musica”, rassegna editoriale del mondo musicale e musicologico curata dal M° Fiorella Taglialatela. Dopo gli incontri con Renzo Cresti, Maria Susana Azzi e Anita Pesce, questa settimana la rassegna vedrà la partecipazione del pianista Alessandro Camiletti, che presenterà il suo libro “Il pianoforte intelligente”. Una guida diretta a giovani pianisti e a docenti, che parla della musica e del pianoforte come di una pratica concreta e alla portata di tutti.