Mugnano del Cardinale, pdz ambito A6, stabilizzati 6 lavoratori

(Tv7 Avellino) – 29 dic. 21 – Stabilizzate le prime sei figure professionali del consorzio del Piano di Zona Sociale Ambito A6. Per tre sociologi, due assistenti sociali ed un educatore professionale è giunto il momento di dire addio al precariato. Dal primo gennaio 2022, infatti, il loro impegno sarà a tempo indeterminato per trentasei ore settimanali. La parola fine al lungo percorso che ha condotto alla stabilità occupazionale delle figure professionali in questione è stata posta nella serata di lunedì 27 dicembre, quando presso la sede dei servizi sociali di Mugnano del Cardinale è avvenuta la sottoscrizione dei contratti. Le sei figure in questione, in seguito alla definizione del piano del fabbisogno del personale varato dal Cda del consorzio, avevano presentato la loro candidatura al bando per la stabilizzazione, in ottemperanza a quanto previsto dalla legge Madia del 2017. I sei operatori, in procinto di dare il via al nuovo inquadramento occupazionale, tengono a “ringraziare il coordinatore del consorzio Antonio Chianese per la spinta propositiva alla definizione della stabilità occupazionale fornita dal primo giorno in cui ha assunto l’incarico, il Cda e l’assemblea dei sindaci per i provvedimenti favorevoli espressi, a riprova della professionalità e dell’importanza nell’espletamento delle mansioni lavorative a beneficio delle categorie interessate”. Un ulteriore ringraziamento da parte degli attori in causa va anche “alla dott.ssa Maria Tarantino, che nel corso degli ultimi anni si è impegnata a fondo per le vicende del Piano di Zona Sociale, ed anche con il suo operato ha favorito la creazione di una struttura di questo tipo, che prevedesse, appunto, anche l’inquadramento a tempo indeterminato delle nostre posizioni”.

La disputa occupazionale delle figure professionali del Piano di Zona Sociale ambito A6 vede il suo culmine dopo circa due decenni. Innumerevoli, proprio in virtù della posizione di precariato dei soggetti interessati, sono stati gli imprevisti legati soprattutto alla continuità dei servizi per l’ente che eroga prestazioni socio sanitarie nei territori del Baianese e del Vallo Lauro. In più occasioni, infatti, attenersi alle scadenze e alle direttive della Regione Campania, in ottemperanza al Piano Sociale Triennale, ha rappresentato una vera e propria odissea a seguito della mancata puntualità del rinnovo dei contratti. Altro discorso anche le pressioni dei sindacati che nel corso del tempo hanno tenuto alta l’attenzione sulle posizioni delle figure professionali, invocando a gran voce una vera e propria risoluzione definitiva in tutte le sedi, e sollecitando anche la Prefettura del capoluogo.

Dal primo gennaio 2022, dunque, comincia un nuovo capitolo della storia dei servizi sociali nel Baianese e del Vallo Lauro. Grazie al consorzio saranno molteplici le possibilità che potrebbero essere colte nel futuro prossimo. Di questo e di tanti altri progetti il coordinatore Antonio Chianese ne parlerà in conferenza stampa subito dopo le festività natalizie.