Avellino, Iandolo (App): “Il comune farebbe bene a riaprire il Coc”

(Tv7 Avellino) – “Organizzare il contrasto alla diffusione del virus in città è fondamentale anche per rispondere alle richieste e alle esigenze di studenti e cittadini. Negli ultimi giorni dello scorso anno il Comune di Avellino è stato sollecitato a dare una risposta alla nuova ondata di contagi chiedendo un intervento immediato per prevenire e affrontare il diffondersi del contagio da Covid-19”. Così Francesco iandolo consigliere di opposizione al comune di Avellino che continua: “Anche a causa delle gravi inadempienze e della scarsa organizzazione dell’ASL era evidente quanto le amministrazioni locali dovessero organizzare un supporto alla struttura sanitaria locale per mettere in campo azioni necessarie a isolare i contagiati e a mettere in campo personale, strumenti, attrezzature e luoghi idonei a effettuare tamponi in sicurezza e a dare un’accelerata sulle somministrazioni dei vaccini”.

“La ripresa in presenza della scuola, inoltre, ha reso ulteriormente necessario uno sforzo organizzativo ingente e le legittime rivendicazioni dell’Unione degli Studenti e delle rappresentanze studentesche irpine circa la sicurezza di ciascuno studente che nel capoluogo e non solo svolge le attività didattiche. Bene ha fatto quindi l’amministrazione comunale e provinciale a convocare gli studenti che però attendono risposte immediate a problematiche che vanno affrontate in maniera organica, coordinata e con tempestività che eviti azioni improvvisate o duplicate da più enti”. 

Già dal 30 dicembre Francesco Iandolo, capogruppo di APP in consiglio comunale, ha richiesto con urgenza la riattivazione del Centro Operativo Comunale di Protezione Civile che possa coordinare le operazioni tra istituzioni politiche, sanitarie, sociali con una particolare attenzione alle fasce più deboli della popolazione. Ad oggi non c’è stata nessuna risposta da parte dell’amministrazione. E il COC è il luogo adatto per recepire le istanze dei cittadini e provare a dare seguito alle richieste anche degli studenti per responsabilizzare tutte le parti in causa.

Riaprire il COC come primo passo per il Comune di Avellino che dovrebbe impegnarsi ad allestire un’area che consentirebbe ai cittadini di sottoporsi ai tamponi mettendo a disposizione uomini e mezzi per permettere un miglior tracciamento dei contagi e uno screening necessario per gli operatori scolastici e gli studenti.