Avellino, Legambiente Campania, apre lo sportello energia: “SOS smog, stop palle caldaie fossili per bloccare le polveri sottili”.

(Tv7 Avellino) – Apre lo sportello Energia di Legambiente Campania aperto a cittadini e cittadine per informarsi sulle possibilità e le opportunità per ridurre il proprio impatto energetico sul pianeta

Presentazione domani giovedì 14 aprile ore 10.00 presso il Circolo della stampa, Corso Vittorio Emanuele II, 6 – Avellino con un focus dal titolo “SOS smog: stop alle caldaie fossili per bloccare le polveri sottili”.

Al via Life ClimAction, il progetto di Legambiente e knowledge partner Enel Foundation, che porta i piani strategici dell’Europa e dell’ONU tra la comunità per uscire insieme e più forti dall’emergenza climatica

Una nuova sfida per Legambiente: portare i piani strategici dell’Unione Europea e dell’ONU tra la comunità per coinvolgere tutti i portatori di interesse nella grande sfida del cambiamento climatico e rendere la transizione ecologica un’occasione di crescita sana, equa e sostenibile. Si chiama Life ClimAction, un progetto di Legambiente e knowledge partner Enel Foundation finanziato dal Programma Life, e coinvolgerà cittadini, giovani, popolazione scolastica, amministrazioni e imprese per costruire un nuovo patto di comunità e una nuova consapevolezza collettiva per creare un fronte trasversale e compatto in grado di mettere in campo buone pratiche per contrastare l’emergenza climatica. Carovana per il clima, iniziative nelle scuole e per amministrazioni, incontri con la cittadinanza, approfondimenti e orientamento agi studi e al lavoro per i giovani, incontri tra imprenditori per scoprire e condividere buone pratiche già in campo sono solo alcune delle iniziative che verranno organizzate nell’ambito del progetto insieme alla realizzazione di materiali tematici specifici che saranno messi a disposizione attraverso il sito di progetto

www.lifeclimaction.eu. Il progetto ClimAction in Campania prenderà ufficialmente il via domani 14 aprile ore 10.00 presso il Circolo della stampa, Corso Vittorio Emanuele II, 6 – Avellino con un focus dal titolo “SOS smog: stop alle caldaie fossili per bloccare le polveri sottili”. Nell’occasione sarà presentato lo Sportello Energia della Campania , un’ occasione per incontrare cittadine e cittadini che vogliono informarsi sulle possibilità e le opportunità per ridurre il proprio impatto sul pianeta, ad esempio rendendo la propria abitazione energeticamente efficiente installando pannelli solari e non solo. Lo Sportello Energia della Campania trova spazio a Napoli nella sede di Legambiente in Piazza Cavour 68, e sarà aperto al pubblico il lunedì dalle 13.30 alle 17.00 e in modalità telematica il giovedì dalle 10.00 alle 13.00.

Si può anche usare la mail energia@legambiente.campania.it A Napoli lo Sportello Energia offrirà informazioni su: come leggere le bollette per comprendere meglio i propri consumi e per scegliere il miglior fornitore per le proprie esigenze. Gli incentivi fiscali per le ristrutturazioni e per il risparmio energetico che sono tra le mosse migliori per contrastare il cambiamento climatico a partire dalle nostre case. Le fonti energetiche rinnovabili che possiamo avere nelle nostre case: fotovoltaico e solare termico sono le vere alternative all’uso delle fonti fossili. Gli stili di vita sostenibili e consigli su risparmio energetico quotidiano.

“Il cambiamento che dobbiamo affrontare per contrastare la crisi climatica parte anche da noi, commenta Mariateresa Imparato presidente Legambiente Campania. La partecipazione attiva delle persone diventa quindi imprescindibile. Senza, non potrà essere altrettanto efficace, perché non in grado di intercettare le criticità e le necessità delle comunità. Per raggiungere questo obiettivo è necessario un nuovo patto che unisca la società civile, le autorità nazionali, regionali, locali, e le imprese, in stretta collaborazione con le istituzioni e gli organi consultivi dell’UE. È da questa esigenza che nasce il progetto Life ClimAction, proprio per costruire e rafforzare questo patto e rendere il percorso di transizione ecologica ed energetica una importante occasione di crescita per l’intera comunità”.