Summonte, architetti irpini, approvazione del bilancio 2021-2022.

dalla redazione

(Tv7 Avellino) – Nel pomeriggio a Summonte, gli architetti irpini si sono riuniti  presso la sala convegni del comune  in occasione dell’approvazione del bilancio consuntivo e previsionale per il periodo 2021-2022. Nel corso dell’annuale assemblea degli iscritti è intervenuto il tesoriere dell’ordine, arch. Giuseppe Cardinale Ciccotti che ha illustrato la gestione economica dell’anno trascorso, l’utile di esercizio e l’avanzo di amministrazione complessivo che è stato di € 213.965. Registrando nel corso dell’anno un tornaconto di cassa positivo, rispetto all’anno trascorso, di € 32.091, frutto di un’attenta e parsimoniosa gestione che ha consentito di apportare tra l’altro, una significativa riduzione alla quota d’iscrizione annuale. Parte di esso, nel rispetto dell’equilibrio complessivo delle risorse di bilancio, verrà reinvestito per nuove importanti attività che mirano a soddisfare le esigenze degli attuali 1.269 iscritti e a rispondere alle finalità istituzionali dell’Ordine. Il bilancio è stato approvato ad unanimità. Il presidente Erminio Petecca ha riepilogato ai presenti le attività dell’ordine dell’ultimo anno, sottolineando l’importante investimento culturale di cui hanno goduto gli architetti irpini e del dialogo aperto con le Amministrazioni pubbliche locali che stanno accogliendo le proposte dell’Ordine, in particolare, attraverso l’indizione dei bandi di progettazione in due gradi. Il Comune di Monteforte Irpino è prossimo alla definizione della prima procedura di gara in Irpinia, quello di Montella seguirà a breve. Si tratta di una procedura volta a selezionare un’idea geniale, nell’ambito della progettazione, a cui puo’ concorrere a pieno titolo anche un architetto neo laureato, offrendo nel contempo alle amministrazioni l’opportunità di acquisire progetti di grande qualità, utili per accedere alla programmazione 2021/2027 dei fondi strutturali e del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione e per partecipare ai bandi attuativi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).