Prata Principati Ultra, abuso su minore, Don Livio è stato condannato a 8 anni di reclusione.

di Marco Iandolo

(Tv7 Avellino) – Otto anni di reclusione per abusi sessuali perpetrati nei confronti di un ragazzino di tredici anni.

E’ questa la sentenza di condanna emessa nel pomeriggio dai gudici del Tribunale di Avellino nei confronti di don Livio Graziano, il 50enne sacerdote irpino, fondatore della casa di accoglienza “Figli di Emmaus” di Prata Principato Ultra.

La sentenza dei giudici del Tribunale di Avellino, riformulando la richiesta di condanna a 11 anni presentata dal pubblico ministero a conclusione del dibattimento, ha ritenuto don Livio colpevole dei reati contestatigli anche se ha escluso l’aggravante costituita dal pagamento in denaro o in altra natura per ottenere le prestazioni sessuali.

I giudici hanno ritenuto credibili le accuse nei confronti del sacerdote da parte del ragazzino. Accuse supportate, secondo il collegio giudicante, da messaggi telefonici, foto, video e materiale sequestrato al sacerdote.

Gaetano Aufiero e Gianpiero De Cicco, gli avvocati che difendono il sacerdote, annunciano il ricorso in appello. In attesa del secondo grado di giudizio, don Livio Guarino resterà agli arresti domiciliari.