Palermo, Matteo Messina Denaro arrestato, Mattarella telefona a Piantedosi.

dalla redazione

(Tv7 Avellino) Fa il giro del mondo come breaking news l’arresto di Matteo Messina Denaro.

Dal Guardian alla Bbc, dalla Cnn, dal Pais a Le Monde, passando per al Jazeera, i siti internazionali ne danno ampio risalto ed in molti casi le dedicano l’apertura.

Tutti sottolineano che Messina Denaro era “il boss mafioso più ricercato d’Italia e che è stato arrestato dopo 30 anni di latitanza”.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha telefonato al Ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, esprimendo a lui e al Comandante dell’Arma dei Carabinieri le sue congratulazioni per l’arresto di Matteo Messina Denaro, realizzato in stretto raccordo con la Magistratura. Il boss mafioso Matteo Messina Denaro è stato arrestato dai carabinieri del Ros nella clinica privata La Maddalena di Palermo, dopo 30 anni esatti di latitanza, iniziata con l’arresto del boss dei boss, Totò Riina: il 15 gennaio del 1993. Anche allora al Viminale c’era un irpino: Nicola Mancino, poi presidente del Senato e Vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura.

L’inchiesta che ha portato alla cattura del capomafia è stata coordinata dal procuratore di Palermo Maurizio de Lucia e dal procuratore aggiunto Paolo Guido.